logo
CONTACT
Telefono

+39.06.78147421

Metodo Montessori

Il Metodo Montessori (Maria Montessori: 1870-1952), a cui si rifà la Luba, è il metodo scientifico di insegnamento più ampiamente testato nel mondo occidentale.

Per Maria Montessori, il primo periodo di vita ha un’importanza cruciale per lo sviluppo dell’uomo: l’adulto è il risultato delle esperienze che il bambino ha fatto nei primissimi anni di vita. E’ in questo periodo, infatti, che “si forma l’intelligenza, il grande strumento dell’uomo (…) ma anche il complesso delle facoltà psichiche”.

L’infanzia costituisce un momento creativo in cui il bambino, attraverso i suoi sensi, capta informazioni dall’ambiente che lo circonda e le assorbe tramite la vita stessa, senza fatica alcuna. Montessori definisce la mente del bambino “assorbente”, essa è una mente “privilegiata” poiché gli consente di assimilare le informazioni inconsapevolmente, senza sforzo ma con gioia, leggerezza ed entusiasmo. Attraverso la sua mente, il bambino assorbe in maniera “onnivora”, “instancabile” e “incondizionata” l’ambiente e i vari comportamenti dell’adulto, creando così la sua carne mentale. Ogni cosa che gli è intorno il bambino la fa sua: lingua, abitudini, costumi si “fissano stabilmente nella sua mente”. L’adulto dovrebbe lavorare 60 anni per raggiungere le stesse competenze conquistate dal bambino nei primi 3 anni di vita, basta pensare alla conquista del movimento e del linguaggio.

Le potenzialità immense della mente del bambino sono guidate da speciali sensibilità, passeggere e specifiche, chiamate “periodi sensitivi”, che permettono l’acquisizione spontanea delle capacità fondamentali per la sopravvivenza da essere umano. Questi “impulsi vitali” spingono il bambino verso determinate attività lasciandolo indifferente verso altre, giusto il tempo necessario per acquisirle e poi spariscono. I periodi sensitivi che caratterizzano i primi 3 anni di vita sono: quello del movimento, dell’ordine, del linguaggio e quello per lo sviluppo sensoriale collegato all’amore dell’ambiente.

Per Montessori i periodi sensitivi sono gli “organi interni” della costruzione psichica, lavoratori instancabili e bisognosi di un ambiente capace di offrire mezzi adeguati per il loro nutrimento. Quando l’ambiente esterno ostacola la libertà del bambino di agire secondo le direttive del periodo sensitivo, l’opportunità di una conquista naturale sarà perduta per sempre.

Fondamentale è, dunque, la relazione del bambino con l’ambiente in cui vive.
Il concetto di un ambiente “a misura di bambino” prende vita nelle prime “Case dei bambini” di Maria Montessori, sorte a partire dal 1907. L’ambiente in cui “lavora” il bambino deve essere: proporzionato alle sue forze psicofisiche, semplice e limitato, invitante e attraente, ordinato e pulito, sicuro e protettivo.

È in questo tipo di ambiente che è libero di manifestarsi il “bambino nuovo”, un soggetto capace di conoscenza e costruttore del proprio sapere. Egli apprende all’interno di un ambiente organizzato e attraverso uno speciale “materiale di sviluppo”. Libera scelta, polarizzazione dell’attenzione, concentrazione e ripetizione dell’esercizio sono le caratteristiche principali con cui il bambino si fa parte integrante dell’attività a cui si dedica.

È importante che l’adulto conosca i bisogni psicofisici del bambino per mettersi a sua disposizione e favorire lo sviluppo delle sue potenzialità. L’educatore montessoriano, in particolare, attraverso l’attenta osservazione dei singoli bambini che ha di fronte, organizza l’ambiente offrendo gli aiuti necessari al soddisfacimento dei bisogni e degli interessi specifici che il bambino manifesta durante l’epoca sensitiva. “In nessuna altra età della vita si ha maggior bisogno di un aiuto intelligente come in questo (…). Noi aiuteremo dunque il bambino non più perché lo consideriamo un essere piccolo e debole, ma perché egli è dotato di grandi energie creative, che sono di natura così fragile da richiedere – per non venir menomate e ferite – una difesa amorosa e intelligente. A queste energie vogliamo portare aiuto”.

E’ risaputo che quando si pianta un albero, un fiore o qualsiasi altra pianta, le attenzioni maggiori sono richieste nei primi mesi di vita. Lo stesso avviene per gli esseri umani. E’ stato scientificamente provato da studiosi europei ed americani come la differenza di risultati scolastici o comportamenti nella vita sociale non dipendono tanto dalla frequenza delle università quanto dalla frequenza di un asilo nido in quanto questa è l’età in cui si imparano metodi e strategie che in seguito non si imparano più (periodo sensitivo).  A ciò si aggiunga che mentre tutti, oggi, frequentano un asilo nido, non tutti proseguono poi gli studi superiori. Da qui la nostra attenzione a questa particolare età evolutiva e la scelta di un nome quale Libera Università dei Bambini.

Renato Dulbecco, Premio Nobel per la medicina 1975, del metodo Montessori così scrive:

Uno dei risultati degli studi recenti sullo sviluppo mentale e psicologico dell’individuo è che molto di esso deriva dalle esperienze fatte nell’età infantile. Già dalla nascita infatti il bambino è avido di imparare ed ha un cervello perfettamente adeguato a questo scopo. Ciò che egli impara dipende dall’ambiente che lo circonda.
Il fatto che in meno di due anni il bambino impari a parlare una lingua è cosa che si dà per scontata, ma in effetti è cosa straordinaria poiché l’apprendimento del linguaggio è basato sull’analisi di suoni complessi, rivelandone le differenze e mettendole in relazione ad avvenimenti osservati per dare loro un significato e poi organizzandone nel contesto della grammatica. Questo processo non richiede insegnamenti: il bambino lo fa da sé.
Più tardi il processo di apprendimento continua, ma in modo ovvio e naturale. Il bambino diventa conscio di molte cose che avvengono intorno a lui, di tutto ciò, quindi, che rappresenta la cultura del mondo in cui vive:
le sue aspirazioni, i suoi valori morali, le relazioni con altre persone e esseri viventi.
E’ a questo punto che entra in gioco l’insegnamento sotto forma di ambiente organizzato, ma l’organizzazione non deve andare oltre un certo livello. Il bambino vuole imparare, ha i mezzi per farlo, bisogna solo aiutarlo ad usare questi mezzi.
[…]Ci sono delle regole da osservare in questo aiuto: esso deve rispettare l’autonomia mentale del bambino, riconoscere che egli impara rispettando tutti i sensi, ascoltando, vedendo, toccando, e che apprende e si forma lavorando. Quello che ad un adulto sembra un gioco, non lo è per il bambino, per lui è un lavoro; perciò le sue attività devono essere organizzate come un lavoro secondo il livello di cui è capace. […]
Per favorire lo sviluppo della personalità del bambino occorre permettergli la libera scelta, libertà di azione. Le azioni del bambino sono determinate da ciò che egli ha imparato e perciò dall’esperienza e dall’esempio che gli sono stati dati. Il comportamento deve essere pensato come il risultato di un processo spontaneo che non si può inculcare.
Il Metodo Montessori è basato su questi principi, è un sistema unico che ha dato risultati eccellenti e che questo libro di Terry Malloy è una utile ed efficace introduzione alle sue finalità educative e alle sue pratiche didattiche.

Renato Dulbecco in Terry Malloy, Montessori e il vostro bambino, Edizioni Opera Nazionale Montessori, 2006.

Ulteriori dettagli sul metodo montessori possono essere visionari sul sito:
Montesoriinpratica

Nella Libera Università dei Bambini:

  • i bambini stanno al centro della pedagogia, quali soggetti attivi di ogni attività svolta;
  • i maestri si inseriscono in un percorso di apprendimento accanto al bambino stesso, percorso che ha per durata l’intera vita, nel quale il bambino, in quanto “embrione spirituale” da custodire ed aiutare nello sviluppo, è la prima guida;
  • i materiali sono studiati per consentire la libera scelta;
  • gli ambienti sono progettati attorno alle esigenze di sviluppo del bambino, a partire dalla loro bellezza, semplicità, attrattività, cartteristiche che Montessori evocava nell’espressione “Voce delle Cose”;
  • I materiali e le attività sono a disposizione dei bambini, che si attivano scegliendole ed apprendendone i possibili utilizzi e meta-utilizzi, ovvero la scoperta di funzioni secondarie e creative;
  • sono i bambini, padroni della loro casa, ad apparecchiare per i pasti con vere posate e vere stoviglie, a sparecchiare, riordinare, predisporre i lettini, curare la propria igiene e le proprie funzioni;
  • i bambini sono “aiutati a fare da soli”, come condizione di un reale apprendimento;

Ci si accorge di entrare in una Casa dei Bambini quando si avverte un naturale benessere del bambino, un ambiente gradevole e tranquillo, un ordine naturale nelle cose, nel silenzio, nell’armonia dei movimenti e delle attività.

La Luba, in quanto Asilo Nido Convenzionato con il Comune di Roma, attua il proprio progetto educativo in conformità dei criteri generali stabiliti dal Modello Educativo di Roma Capitale di cui al seguente link:
Modello educativo dei Nidi e delle Scuole dell’Infanzia di Roma Capitale

News Scuola
Archivi News Scuola
Il Mondo Montessori

Visita guidata

Maria Montesori
Intervista al Prof. Raniero Regni

News Montessori
Contatti
  • Via Tommaso Fortifiocca n. 11/A-13 - 00179 - ROMA
  • +39.06.78147421
  • +39.06.60513151
Personale
Chiara: Educatrice
2017-03-13T11:54:16+01:00
Chiara: Educatrice
Eleonora: Educatrice
2018-04-28T17:19:13+01:00
Eleonora: Educatrice
Giulia: Educatrice
2018-05-20T10:40:23+01:00
Giulia: Educatrice
Linda: Educatrice
2018-05-20T10:47:36+01:00
Linda: Educatrice
Sara: Educatrice
2018-05-24T08:21:22+01:00
Sara: Educatrice
Stefania: Educatrice
2018-05-24T08:25:19+01:00
Stefania: Educatrice
Susanna: Educatrice
2018-05-24T08:27:55+01:00
Susanna: Educatrice
Valentina: Educatrice
2018-05-24T08:29:27+01:00
Valentina: Educatrice
Maria: Insegnante inglese
2018-05-24T08:31:20+01:00
Maria: Insegnante inglese
Sunday: Insegnante inglese
2018-05-24T08:32:38+01:00
Sunday: Insegnante inglese
Davide: Coordinatore
2018-05-24T08:34:07+01:00
Davide: Coordinatore
Patrizia: Coordinatrice
2018-05-24T08:35:21+01:00
Patrizia: Coordinatrice
Natalia: Cuoca
2018-05-24T08:36:40+01:00
Natalia: Cuoca
Menina: Pedagogista
2018-05-24T08:38:03+01:00
Menina: Pedagogista
Valentina: Segretaria
2018-05-24T08:39:41+01:00
Valentina: Segretaria
Salvatore: Responsabile legale
2018-05-24T08:41:08+01:00
Salvatore: Responsabile legale
Manuela Marcucci: Psicologa
2018-05-24T08:42:36+01:00
Manuela Marcucci: Psicologa
Translate